12 aprile 2008

I predatori dell'arca perduta (S. Spielberg, 1981)

I predatori dell'arca perduta (Raiders of the lost ark)
di Steven Spielberg – USA 1981
con Harrison Ford, Karen Allen
****

Rivisto in DVD, con Hiromi.

Un film fondamentale nel rinnovare gli stilemi del cinema di avventura, pur guardando al passato e rifacendosi direttamente ai fumetti e alle riviste pulp degli anni trenta (non a caso la grafica del titolo sui manifesti richiama il logo di riviste quali "Amazing stories"). Tratto da una storia di George Lucas sceneggiata da Lawrence Kasdan, ha dato vita a un personaggio talmente popolare – l'archeologo Indiana Jones, impegnato nel 1936 a recuperare l'arca dell'alleanza, il leggendario reperto che ha contenuto le tavole dei dieci comandamenti e che fa gola anche ai nazisti – da diventare protagonista di altri due film (e un quarto è in arrivo fra pochi mesi), di una serie televisiva, di numerosi videogiochi e soprattutto di innumerevoli imitazioni e parodie non solo cinematografiche. Gli elementi che lo caratterizzano (compreso il cappello e la frusta) lo rendono probabilmente uno dei character più riconoscibili della storia del cinema. E pensare che a interpretarlo non avrebbe dovuto essere Ford, bensì Tom Selleck, che rifiutò la parte perché troppo impegnato con le riprese del telefilm "Magnum P.I.". Spielberg fonde alla perfezione avventura e azione, ritmo e humour, inseguimenti e acrobazie, il fascino del mistero soprannaturale e quello della storia, cambiando anche più registri stilistici: il professor Jones si trasforma da compassato accademico in un vero e proprio avventuriero (come dimostra subito la bella sequenza iniziale dell'idolo nella giungla), protagonista di sequenze che recuperano l'ingenuità dei bei tempi andati (la sfera di roccia che gli rotola dietro, citazione da una storia di Carl Barks), di meravigliosi momenti umoristici (il nemico con la scimitarra nel mercato al Cairo o la gruccia appendiabiti del nazista), di episodi da brivido (i serpenti nel pozzo delle anime, autentici perché all'epoca non si parlava ancora di CGI, e naturalmente l'apertura dell'arca), di tesissime scene d'azione (l'inseguimento sul camion) e di battute memorabili ("Non sono gli anni... sono i chilometri!"). Fra i comprimari, oltre alla bella Karen Allen, sono da segnalare John "Gimli" Rhys-Davies, Denholm Elliott e un debuttante Alfred Molina ("Adios, imbecille!"). Degna di menzione anche la colonna sonora di John Williams e indimenticabile tanto l'incipit, con il vecchio logo della Paramount che si trasforma in un'autentica montagna (giochino che sarà ripetuto nei capitoli successivi), quanto il finale, con l'immenso magazzino di scatoloni (un omaggio a "Quarto potere"). Nei piani iniziali avrebbe dovuto trattarsi di una pellicola a basso budget, praticamente un B-movie, ma naturalmente Lucas e Spielberg si fecero prendere la mano. Il film è stato poi rieditato con il titolo "Indiana Jones e i predatori dell'arca perduta", per coerenza con i capitoli successivi. Il nome Indiana era quello del cane di George Lucas, mentre il cognome Jones sarebbe stato scelto il giorno stesso dell'inizio delle riprese: in origine il personaggio avrebbe dovuto chiamarsi Indiana Smith. Una curiosità personale: ricordo ancora la campagna di lancio del film all'epoca (avevo undici anni), con il claim "Il ritorno della grande avventura" sui manifesti che mi aveva fatto erroneamente pensare che si trattasse di un seguito del film "La grande avventura" di Stewart Raffill.

10 commenti:

Franci ha detto...

Per me più "personal cult" di così sé mòre! Siamo di fronte a uno di quei film dell'epoca d'oro di G.Lucas in cui tirava fuori dal cilindro film geniali mischiandoci dentro di tutto... E' per mequesto che visto la fine che ha fatto fare a Star Wars non so se essere trepidante o sospettoso per l'uscita del quarto capitolo del buon Indy...

Luciano ha detto...

Vero, un film che ha cambiato il "genere" avventura. Non una sbavatura, tutto coincide alla perfezione, amalgamato da Spielberg in modo impeccabile.

mario ha detto...

bello, bello. ma a distanza rivela qualche ruga. perdonabile ad un mito come indiana jones!

Christian ha detto...

Franci: a proposito del quarto film, Lucas sta già mettendo le mani avanti. Ha infatti dichiarato "Non aspettatevi grandi cose, è probabile che ai fan non piacerà". Forse la lezione di Star Wars Episode 1 gli ha insegnato a non far salire troppo la febbre dell'attesa? Io comunque ritengo invece lecito aspettarmi un gran film, visto i nomi coinvolti, anche se nutro qualche perplessità sull'età di Harrison Ford (che da vecchio non mi piace come da giovane).

Luciano: sì, ha contribuito a riplasmare un genere che purtroppo era quasi scomparso (anche se non del tutto: c'erano stati film come "L'uomo che volle farsi re" di John Huston, per esempio).

Mario: forse visto con gli occhi di oggi, abituati a un ritmo ancora più frenetico, qualche difettuccio c'è, ma come tu dici è perdonabile: per me resta comunque il miglior film di Spielberg.

Martin ha detto...

Dimentichi quel gran film (capolavoro?) che è Schindler's List.
Anche se mi pare che tu non l'abbia mai visto e quindi direi che capisco la tua scelta.

Christian ha detto...

Sì Martin, in effetti "Schindler's List" non l'ho ancora visto, così come mi mancano molti suoi film recenti ("Munich", "Terminal", "La guerra dei mondi"...)
Una cosa è certa: visto che il genere avventura mi piace molto, non mi perderò sicuramente – se mai lo farà davvero – "Tintin"...

Martin ha detto...

Questi tre quale più quale meno sono comunque decenti ma assolutamente niente di imperdibile.
E Tintin non può che interessare anche a me.

Roberto Fusco Junior ha detto...

Film praticamente perfetto, cult generazionale per tutti noi nati negli anni '70.

Franci ha detto...

ecco... ora che il IV episodio è uscito rimane solo una domanda "perchè?".
Aspetto il tuo commento...
ciao!

Christian ha detto...

Ti dirò: non avendo avuto grandi aspettative il quarto episodio non mi ha deluso, nonostante alcune 'esagerazioni'. Ma non è paragonabile con il prototipo, è quasi un altro genere di film.