28 febbraio 2008

Sweeney Todd (Tim Burton, 2007)

Sweeney Todd - Il diabolico barbiere di Fleet Street
(Sweeney Todd: The demon barber of Fleet Street)
di Tim Burton – USA 2007
con Johnny Depp, Helena Bonham Carter
**

Visto al cinema President, con Hiromi.

Ho sempre pensato che buona parte del fascino dei film di Tim Burton dipendesse dalle colonne sonore di Danny Elfman. E infatti questo musical, che si affida alle non esaltanti melodie dello spettacolo di Broadway da cui è tratto, è privo di quella magica atmosfera che riesce a tenere a galla anche le pellicole meno riuscite del regista. Per fortuna al suo posto a donare spessore al film c'è una certa dose di cattiveria grandguignolesca, soprattutto nel finale, violento, sanguinoso e quasi da tragedia greca. La storia, ispirata a fatti reali, è quella di un barbiere folle che vive nella Londra del diciannovesimo secolo, deciso a vendicarsi (come una sorta di conte di Montecristo) di un giudice corrotto che lo ha condannato ingiustamente ai lavori forzati per sottrargli la moglie e la figlia. Nella sua bottega taglierà la gola ai malcapitati clienti (ma il passaggio dal desiderio di vendetta nei confronti di un singolo individuo alla semplice sete di sangue non è spiegato) e consegnerà i corpi a una complice che li passerà in un tritacarnone gigante e ne farà "i migliori pasticci della città". Il difetto principale della pellicola, oltre alle canzoni che mi sono sembrate tutte uguali e con testi banalotti, è l'assenza di fantasia e ironia, con l'unica eccezione della scena in cui la Carter si immagina la vita al mare in compagnia dell'amato barbiere. Alan Rickman (nei panni del malvagio giudice Turpin), un attore che di solito mi piace molto, non brilla particolarmente. Meglio invece Timothy Spall (il messo) e Sacha Baron Cohen (il barbiere "rivale" Pirelli, finto-italiano e prima vittima di Todd). Nella versione italiana i brani cantati sono stati per fortuna lasciati in inglese con sottotitoli (una delle cose che avevo detestato nel "Fantasma dell'Opera" di Schumacher era stata la scelta di doppiare le canzoni), ma è mancato il coraggio di farlo per l'intero film, anche per il parlato, come invece era stato fatto per "Evita". Ogni volta che si passa dalle voci originali a quelle dei doppiatori (spesso molto diverse!) c'è una caduta di tono. Spiace inoltre l'uso di computer grafica dozzinale, soprattutto all'inizio, nei titoli e nella panoramica della città.

10 commenti:

Martin ha detto...

Dopo esserti sottoposto volontariamente (anzi pagando) alla tua personale tortura del trittico Coen-Anderson-Burton i casi sono due, o si tratta di masochismo o di una prova di forza superata la quale non c'è più nulla che possa spaventarti.

Scusa ma non potuto resistere... ;)

Christian ha detto...

In effetti hai ragione, ci pensavo anch'io... ^_^ Soprattutto Burton e i Coen continuano a confermarsi le mie bestie nere.
Comunque dei tre film il migliore mi è parso quello di Anderson, che prevedo che a te possa piacere abbastanza, visto che ha echi malickiani e altmaniani (anche a me sta crescendo un pochino dentro).

Shadowland ha detto...

Sono molto indeciso se andarlo a vedere o meno. Pur amando Burton, iniziano un po' a stancare questi continui ritratti gotici. Credo abbia dato il meglio con "Big Fish", paradossalmente film diverso dai suoi standart, agli antipodi delle sue opere più note. Forse avrebbe dovuto continuare su quella strada. Probabilmente, aspetterò il dvd.

Christian ha detto...

Se ti fidi del mio consiglio, va piuttosto a vederti "Persepolis" (sperando che il doppiaggio italiano sia decente)!

Antonello ha detto...

Persepolis!!! Mitico!
Solo tre, tra tutti i film usciti ultimamente, credo valgano la pena d'essere visti:
1. Persepolis
2. La guerra di Charlie Wilson
3. Lo scafandro e la farfalla

monia ha detto...

ma ti vuoi proprio far del male andando a vedere questi film ^.^!

Christian ha detto...

Monia, ti riferisci a me o a Antonello? Se rispondi a me, hai ragione: come dice Martin, sapevo in anticipo che i Coen e Burton mi avrebbero deluso per l'ennesima volta, andarli a vedere è stato più forte di me... ^_^
Se invece rispondevi ad Antonello, non posso che consigliare anche a te di andare a vedere almeno il bellissimo "Persepolis". Anche "Lo scafandro e la farfalla" è interessante (ma non è il capolavoro che si dice), mentre "La guerra di Charlie Wilson" non l'ho visto.
Ciao!

monia ha detto...

mi riferivo a te, scherzando ovviamente ^.^
persepolis è già in programma e schnabel era l' unico in cui nutrivo buone speranze, ma dalle mie parti neanche l' ombra!

Luciano ha detto...

Sono uscito da poco dal cinema e ancora sto rimuginando il film di Burton. Non so... smontato pezzo per pezzo non mi convince del tutto, ma nell'insieme...

Mario Scafidi ha detto...

sono sostanzialmente d'accordo con te sul giudizio sul film, meno sulla durezza con cui parli di tim burton, ma...non piò mettere tutti d'accordo!